lunedì 27 aprile 2015

Il moderno tam-tam del tempo reale


Nel mondo dell’informazione, nel senso più ampio del termine, Internet ha portato una vera rivoluzione, tecnologica e culturale, quella derivante dal tempo reale. Ogni fatto, notizia, evento, battito d’ali di farfalla in un punto qualsiasi del globo, con la grande rete si diffonde un istante dopo l’avvenimento, rendendo tutte le distanze virtualmente nulle. In questo senso avere il polso su ciò che sta succedendo, con le misure sia quantitative che geografiche, è una possibilità fantastica ma forse anche inquietante. Ecco allora due casi in ambiti diversi, uno recentissimo, l’altro meno, entrambi però molto significativi sul tempo reale ed il suo tam-tam.

Molte statistiche dicono che la maggior parte degli attacchi informatici proviene da gruppi ben organizzati, la cui efficacia deriva dalla loro disponibilità a condividere le informazioni. All’IBM hanno pensato che tale strategia di attacco condivisa vada sfruttata anche per la difesa e la sicurezza. Così hanno lanciato di recente X-Force Exchange, un particolare social media dove vengono condivise le minacce informatiche che si verificano a livello globale. Lo scambio si basa su dati raccolti da miliardi di istanze di sicurezza potenzialmente dannose. Accedendo al sito di questo originale sito, come guest se non ci si vuole registrare, si vedono scorrere dati con gli indirizzi IP dei pc criminali, ma soprattutto una mappa mondiale con nazioni lampeggianti di colore rosso o arancio, a seconda della pericolosità. Sono i luoghi in cui è appena avvenuto un attacco  hacker o è stata segnalata una minaccia virale informatica. Per un attimo mi sembra di essere nel film War Games, versione XXI secolo.

Tempo fa sono “atterrato” su un sito che contiene un sacco di contatori, un mondo di misuratori che allo stesso tempo sono misuratori del mondo, della Terra. Presenta moltissime informazioni numeriche su ciò che sta accadendo, in questo momento, sul nostro pianeta, sia totalizzandone le quantità che mostrandone i valori nel quotidiano. Popolazione mondiale, numeri sull’ambiente, soldi spesi per la salute, per alimentazione, quelli buttati per vari motivi (gli stupefacenti, ad esempio), e così via. La cosa che colpisce è la velocità di variazione di alcuni di questi contatori e, per contro, la staticità di taluni altri. Fa impressione vedere come aumenta in modo vertiginoso la spesa pubblica mondiale, oppure le tonnellate di CO2 emesse. In effetti si tratta perlopiù di indicatori negativi, difficile trovarne qualcuno che porti speranza. Tra gli altri, noto i giorni mancanti alla fine del petrolio, 14101 in questo momento, circa 39 anni. Ignoro come venga fatto il calcolo, ma non mi tranquillizza affatto, specie per i nostri figli. Il sito si chiama Worldometers, in fondo alla sua home page vi è anche un link alla versione italiana, che vi lascio scoprire senza commentarlo.

La percezione del tempo reale fa accorciare le distanze e tende a coinvolgerci maggiormente dal punto di vista emozionale. Sia nel caso di X-Force Exchange che di Worldometers è incredibile sapere che, ad esempio, in questo momento dal Kazakistan è partita una minaccia di Spam, ed è purtroppo frustante guardare che il numero totale dei morti per fame, nella sola giornata di oggi (in cui scrivo) ha appena superato gli 11.000. Naturalmente per i contatori si tratta di statistiche e come tali sono da prendere con le molle, ma credo siano piuttosto attendibili, almeno per quel che riguarda i tassi di crescita (e non per i valori assoluti), ossia il vero contenuto informativo del portale.

Avere, come si diceva una volta, “in diretta” e via web i cambiamenti che attraversano la Terra e capirne le tendenze future, oppure vedere semplicemente attraverso il nostro monitor come le menti criminali cibernetiche mettono a dura prova il nostro substrato tecnologico, rappresenta una importante e realistica finestra globale. Alla quale, un giorno, ci piacerebbe affacciarci vedendo rallentare i misuratori più preoccupanti e magari chiuderla con il sorriso di terrestri più sereni.


Il sito di Worldometers è http://www.worldometers.info/it/

2 commenti:

  1. interessante articolo che mette però un po' di inquietudine... forse sarebbe meglio conoscere meno numeri e rallentare i ritmi di vita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la "potenza" del tempo reale si scontra con la rilassatezza di non sapere certe cose, ma le informazioni, quando servono a migliorare, noi stessi e gli altri, dovrebbero essere sempre le benvenute.... grazie per il tuo commento :-)

      Elimina